Documents

VISIBILE - INVISIBILE

Altezza larghezza - due dimensioni: M due dimensioni sono anche il corpo e lo spirito. Roberto Pupi fa opere a tre dimensioni, e' quindi scultore?

Read more

Roberto Pupi - Wunderkammer

La Wunderkammer di questo millennio potrebbe ancora essere il luogo in cui lo stupito osservatore del mondo raccoglie mirabilia, separati in naturalia e artificialia, in base alla meraviglia che producono per la loro origine naturale o in quanto prodotti dall'uomo?

Read more

Ricordi (eng)

Recollections...memories...signs of recognition...touching and intangible, suspended and ethereal; in praise of immortality. Roberto Pupi penetrates the informal and the conceptual, painting and photography, immobilises the fleeting moment and brings it to life; he evokes the past projecting it into the future.

Read more

Fotomobili (ita - eng - de)

Un percorso che parte da lontano quello di Roberto Pupi, che dalla pittura transmuta nella fotografia' Con Roberto ci siamo conosciuti alla Galleria ll Punto di Firenze nel lontano 1989: uno spazio situato sulle sponde dell'Arno tra Ponte S.Trinita e Ponte Vecchio.

Read more

La stele (ita-eng)

La stele,la grafite, il pigmento elogio del momento. Elevazione al cubo, sogni di gloria, la persistenza della memoria.

Read more

Bibliografia essenziale

1989-Cristina Giannini, Roberto Pupi A Punto, Galleria Il Punto, Firenze.1994-Patrizia Landi, Monumenta, Promart Center Bardi 21, Firenze.1997-G.P.C. Quando i pittori giocano con il corpo in "La voce Repubblicana" 30 settembre 1997.

Read more

Fare Ombra: può una fotografia fare ombra?

Angela Sanna Roberto Pupi Fare Ombra: pu?? una fotografia fare ombra?

Read more

FLUID(A)ZIONE

Lungo la carriera di Carlo Cantini il lavoro con cui, agli inizi degli anni Ottanta, esplora una dimensione metamorfica del corpo, tra il movimento e il colore, rappresenta solo una delle direzioni in cui si ?? spinta la sua inesausta ricerca. Nella fotografia Cantini ha sempre tentato l???interpretazione di nuovi rapporti tra l???immagine e la sua possibile registrazione, mettendo in gioco lo sguardo, i soggetti e le tecnologie come elementi flessibili e tra loro complementari. Cos??, le opere raccolte sotto il titolo epico La terza nave, e altre simili di quel periodo, costituiscono una variazione nel panorama della sua intera produzione, ma non del tutto un???eccezione. Per Roberto Pupi invece la dissonanza rispetto a una lettura piana dell???immagine, l???esercizio di frammentazione e ricostruzione su una geometria tridimensionale, ?? diventato negli anni un tratto caratteristico, fino a connotarsi pienamente come il suo elemento pi?? riconoscibile. La fotografia, nel lavoro di Pupi, ha da tempo abbandonato i confini rassicuranti della cornice per farsi architettura e soggetto interattivo con l???ambiente: corpi, paesaggi e altri soggetti chiamano lo sguardo dell???osservatore a completare la loro forma, ma senza coordinate e esiti definiti, lasciando aperto e mobile ogni possibile risultato. In entrambi i casi i due artisti lavorano sua una trasformazione dell???immagine: Carlo Cantini coglie un istante da un processo in corso, riuscendo a coagulare in uno scatto l???intera densit?? di un movimento, Roberto Pupi innesca questa trasformazione dopo che il processo di cattura dell???immagine ?? stato compiuto, creando un riverbero nello spazio. Le foto scattate da Cantini quasi quattro decenni fa vengono ora ristampate e montate sui telai mossi, poliedrici di Pupi. Il risultato ?? una moltiplicazione dello spaesamento percettivo che le prime e i secondi producono autonomamente. Questo incontro tra i due artisti ?? sorprendente negli esiti ma non del tutto imprevedibile, vista la vivacit?? inossidabile di Carlo e la vocazione sperimentale di Roberto, e sollecita una riflessione sul nostro modo di osservare l???arte. La rivisitazione di un???opera e la sua riattualizzazione, immettendosi nel circolo della secolare speculazione teorica sulla riproduzione e sulla post-produzione, mette in discussione tutto quello che ?? stato detto sugli strumenti di cui disponiamo per leggere un???immagine e argomentarla in una descrizione che consideri il medium e il suo tempo storico. In questa prospettiva anche il lavoro realizzato in coppia dai due artisti impone agli osservatori la definizione di altre categorie estetiche per posizionare l???esperienza della visione rispetto al mondo, e richiede cos?? un ulteriore atto creativo, di interpretazione. Pietro Gaglian??

Read more

FLUID(A)ZIONE Inglish version

The works through which Carlo Cantini explored the metamorphic dimension of the body through movement and colour at the beginning of the 80s, represent only one of the paths taken by this artist during a lengthy career marked by incessant research. In his photography Cantini has always attempted to interpret new relationships between the image and its potential recording, calling into play the points of observation, subjects and technologies as flexible and complementary elements. Thus, the works collected under the epic title The Third Ship and other similar pieces from this period, are variations, though not the only exceptions, in the overall scenario of Cantini???s production. On the other hand, a discordant note is created when Pupi???s works are read solely on one plane, owing to the fragmentation and reconstruction of the image into a three-dimensional geometry which has, in time, become a specific characteristic of the artist, perhaps even his most distinctive trait. In the works of Pupi, photography has long since abandoned the reassuring borders of the frame. It has become an architecture, a subject which interacts with the environment: bodies, landscapes and other subjects which require the eye of the observer to complete their form; a mobile form without coordinates or defined results, open to all possible outcomes. In both cases the two artists focus on the transformation of the image. In capturing an instant from the process under-way, Carlo Cantini manages to condense the intensity of a single movement into one snap. Pupi instead triggers off a transformation after having caught the image, by creating reverberations in space. The photos taken by Cantini almost four decades ago have now been reprinted and mounted on Pupi???s flexible and polyhedric plates. The result is a multiplication of the perceptive disorientation which the former and the latter produce autonomously. The encounter of these two artists has had surprising but not completely unpredictable results, given Carlo???s unceasing vitality and Roberto???s experimental vocation, and such results solicit a reflection in our way of perceiving art. Revisiting a work of art and up-dating it, means placing oneself inside the field of secular theoretical speculation concerning production and post-production; it means questioning everything already said about the instruments currently used to read and to analyse an image in a study which considers both the medium and the historical period. In light of this, the work carried out by these two artists as a pair, forces the observer to define new, alternative aesthetic categories in order to position this particular experience of seeing from other viewpoints, thus requiring yet another creative act, that of interpretation. Pietro Gagliano

Read more

FLUID(A)ZIONE

Gli studi pi?? recenti sulla fotografia, in coincidenza con la sua definitiva assunzione nel novero delle arti visive, dopo che per molti anni tale considerazione era stata decisamente problematica, si sono concentrati sulla questione ??? fondamentale ??? del suo statuto semiotico. In coincidenza con l'ammissione di fotografi, divenuta massiccia nel corso degli anni Settanta, a partecipare alle principali rassegne d'arte contemporanea, come la Biennale di Venezia, la tradizionale accezione del 'fotografico' come documentazione e riproduzione del visibile, dipendente dalla astanza di un soggetto rappresentato preesistente (e per conseguenza, con un valore veritatito di 'prova' che ne avrebbe legittimato l'utilizzazione nei contesti giudiziari e scientifici) viene messa in crisi da una considerazione artistica della fotografia come 'segno', e quindi dotata di una propria specifica autonomia e da una esistenza indipendente in quanto oggetto. Le nuove tecnologie (cos?? nuove ormai da essere diventate a loro volta 'nonne' del progresso tecnologico) hanno reso tutto questo realizzabile in maniera problematica, diventanto ??? nei fotografi consapevoli ??? nuove occasioni di esperienza interrogativa sul mezzo e le sue possibilit?? di esperienza visuale. Carlo Cantini e Roberto Pupi hanno innescato un processo visivo di riflessione problematica sulla possibilit?? di proiezione esperienziale di questa apertura sul possibile futuro dell'atto fotografico. Hanno pensato, ciascuno a suo modo, di aprire virtualmente lo spazio di una fotografia rimasta da considerare, tradizionalmente, dentro lo spazio della ???cornice??? che Leon Battista Alberti aveva teorizzato come 'luogo' della pittura, in una dimensione di plasticit?? reale. Cantini ha pensato le proprie immagini come proiezioni anamorfiche, sfondando i limiti della cornice in una violenza (pacata e gentile) orizzontale dell'immagine. Pupi ha proiettato le proprie immagini in una plasticit?? aggettante, immaginaria, che invade lo spazio critico dello spettatore. Si tratta di immaginare cosa accadr?? della fotografia??? Francesco Galluzzi

Read more

FLUID(A)ZIONE Inglish version

That the latest studies on photography came out when this discipline had finally been admitted into the field of visual arts after many years in which such an acknowledgement was considered highly debatable, brings up the fundamental question of its semiotic status. Although an ever-increasing number of photographers participated in the most important contemporary art exhibitions such as the Biennale in Venice during the Seventies, the traditional idea of the ???photograph??? as a mere recording and reproduction of the visible, given the subject???s pre-existent representation as bystander (thus with the added value of its ???truthfulness??? legitimising its use as ???proof??? in judicial and scientific contexts), was undermined by an artistic reading of the photograph as a ???sign??? endowed with its own specific autonomy and with its independent existence as an object. New technologies (so new by now that, in their turn, they have become ???forerunners??? of technological progress) have made this difficult achievement possible, creating for up-dated photographers further opportunities to question the means used and the possibilities of visual experiences. Carlo Cantini and Roberto Pupi have given life to an intense visual process of reflection on the possibilities of experiential projection, expanding the art of photography towards the future. Each, in his own manner, has worked on extending the virtual space of the photograph traditionally closed inside the ???frame???, the space which Leon Battista Alberti theorised as the ???scene??? of the picture in its dimension of effective plasticity. Cantini envisages his images as anamorphic projections which break through the restrictions of the frame: a horizontal violence of a (peaceful and gentle) image. Pupi projects his images with an imaginative, jutting plasticity, thereby invading the critical space of the spectator. This is about imagining what will happen to photography... Francesco Galluzzi

Read more